Come integrare Google Tag Manager sul proprio sito e creare un trigger per Google Ads
Communication, Digital Marketing facile, Processi
Dic 07

Come integrare Google Tag Manager sul proprio sito e creare un trigger per Google Ads

Google Tag Manager è un servizio gratuito di Google che ti consente di aggiungere e gestire i tag sul tuo sito web senza dover modificare il codice. I tag sono frammenti di codice che possono essere utilizzati per inviare dati a Google Analytics, Google Ads o altri servizi di analisi.

A cosa serve Google Tag Manager?

Google Tag Manager può essere utilizzato per una varietà di scopi, tra cui:

  • Monitorare le conversioni: Google Tag Manager può essere utilizzato per monitorare le conversioni sul tuo sito web, come acquisti, iscrizioni a newsletter o download di contenuti.
  • Segmentare gli utenti: Google Tag Manager può essere utilizzato per segmentare gli utenti del tuo sito web in base a fattori come il comportamento, la posizione o gli interessi.
  • Personalizzare i contenuti: Google Tag Manager può essere utilizzato per personalizzare i contenuti del tuo sito web in base alle esigenze degli utenti.

Perché Google Tag Manager serve al posto del pixel?

Il pixel è un frammento di codice che viene utilizzato per monitorare le conversioni su un sito web. Tuttavia, il pixel presenta alcuni inconvenienti, tra cui:

  • Difficoltà di installazione: L’installazione del pixel richiede la modifica del codice del sito web.
  • Limitazione delle funzionalità: Il pixel offre funzionalità limitate, come il monitoraggio delle conversioni e la segmentazione degli utenti.

Google Tag Manager supera questi inconvenienti, offrendo i seguenti vantaggi:

  • Installazione semplice: Google Tag Manager può essere installato senza modificare il codice del sito web.
  • Funzionalità avanzate: Google Tag Manager offre funzionalità avanzate, come il monitoraggio delle conversioni, la segmentazione degli utenti e la personalizzazione dei contenuti.

Guida pratica all’installazione e alla creazione di un trigger di Google Tag Manager sul proprio sito

 

  1. Crea un account e un contenitore

Crea un account e un contenitore in Google Tag Manager

Per creare un account e un contenitore, vai al sito web di Google Tag Manager e fai clic su Crea un account. Quindi, segui le istruzioni sullo schermo.

  1. Installa il codice di Google Tag Manager

Installa il codice di Google Tag Manager sul tuo sito

Una volta creato il tuo contenitore, devi installare il codice di Google Tag Manager sul tuo sito. Il codice di Google Tag Manager è composto da due parti:

  • Il codice dello script: questo codice deve essere inserito nel tuo file HTML, prima della chiusura della tag di chiusura </head>.
  • Il codice del tag helper: questo codice deve essere inserito nel tuo file HTML, dopo la chiusura della tag di apertura <body>.

Ecco come installare il codice di Google Tag Manager su un sito WordPress:

  1. Vai al tuo pannello di amministrazione di WordPress.
  2. Vai a Impostazioni > Google Tag Manager.
  3. Inserisci il codice dello script e il codice del tag helper nei rispettivi campi.
  4. Fai clic su Salva modifiche.
  5. Pubblica il contenitore

Pubblica il contenitore in Google Tag Manager

Una volta installato il codice di Google Tag Manager sul tuo sito, devi pubblicare il contenitore. Per fare ciò, vai alla pagina Contenitori in Google Tag Manager e fai clic su Pubblica.

  1. Crea un trigger

Un trigger è un evento che fa scattare un tag. Per creare un trigger per Google Ads, devi selezionare il trigger Evento personalizzato.

Crea un trigger personalizzato per Google Ads

Nella finestra di configurazione del trigger, inserisci un nome per il trigger e un evento. L’evento deve corrispondere a un evento che viene generato dal tuo sito web.

Ad esempio, se vuoi creare un trigger che venga attivato quando un utente fa clic su un pulsante di acquisto, puoi utilizzare l’evento Click.

  1. Crea un tag

Un tag è un frammento di codice che viene eseguito quando viene attivato un trigger. Per creare un tag per Google Ads, devi selezionare il tag Google Ads Conversion.

Crea un tag Google Ads Conversion

Nella finestra di configurazione del tag, inserisci il codice di conversione di Google Ads. Puoi trovare il codice di conversione nella tua campagna Google Ads.

  1. Associa il trigger al tag

Associa il trigger al tag in Google Tag Manager

Una volta creato il trigger e il tag, devi associare il trigger al tag. Per fare ciò, vai alla pagina Trigger in Google Tag Manager e fai clic sul trigger che hai creato.

Quindi, fai clic sul pulsante Aggiungi tag e seleziona il tag Google Ads Conversion.

  1. Pubblica il tag

Una volta associato il trigger al tag, devi pubblicare il tag. Per fare ciò, vai alla pagina Tag in Google Tag Manager e fai clic su Pubblica.

  1. Testa il tag

Per verificare che il tag funzioni correttamente, puoi utilizzare lo strumento di test di Google Tag Manager.

Usa lo strumento di test di Google Tag Manager

Vai alla pagina Test in Google Tag Manager e fai clic sul pulsante Avvia test.

Quindi, fai clic sull’evento che hai configurato per attivare il tag. Se il tag funziona correttamente, vedrai un messaggio di conferma.

Hai domande? Vuoi assistenza su come impostare il Tag Manager o vuoi capire come integrare un sistema di conversione o generazione di lead all’interno della tua aziedna? Contattaci!

 

 

Leave your Comment